Cinque modi per supportare i dipendenti sotto pressione

Dopo aver vissuto oltre un anno di convivenza con il COVID-19, molte persone si sentono stressate e sotto pressione. Per coloro il cui carico di lavoro è aumentato o è sempre stato troppo elevato, i leader delle risorse umane e aziendali devono essere consapevoli che una pressione continua per un lungo periodo può portare al burnout dei dipendenti e, in alcuni casi, a problemi di salute mentale come depressione o ansia.

Anche se un po’ di stress può essere salutare, alcune persone lo apprezzano e producono il loro miglior lavoro quando sono sotto pressione, i dipendenti devono sentire di avere il sostegno dell’azienda, soprattutto in questa lunga fase di lavoro a distanza; devono sentirsi liberi di discutere apertamente dei problemi, senza timori.

Quindi, cosa possono fare le risorse umane per supportare i dipendenti quando la pressione è alta?

1. Promuovi un’atmosfera di supporto

Spesso sono le piccole azioni che contano di più. Un team che si occupa di una crisi, ad esempio, apprezzerà che qualcuno di alto livello si interessi attivamente, fornendo una guida chiara e magari anche rimboccandosi le maniche per aiutare. Le persone che stanno affrontando scadenze incredibilmente stringenti hanno bisogno di qualcuno che si accorga che non hanno avuto il tempo di mangiare o anche solo di ordinarsi delle pizze!

Pensa a come puoi mettere in atto meccanismi di supporto e incoraggiare le persone in tutta l’azienda a sviluppare un senso di responsabilità condiviso. Il supporto “nel momento” può essere molto prezioso, quindi le aziende dovrebbero dare al personale l’opportunità e lo spazio per accedere al supporto dei loro colleghi.

2. Aiuta i dipendenti a mantenere l’equilibrio

I dipendenti hanno maggiori probabilità di stare bene in una cultura che supporta il lavoro flessibile e tiene conto delle loro priorità, situazioni e del modo in cui sentono di lavorare meglio. La discussione in corso sul lavoro ibrido riflette un desiderio di maggiore flessibilità, ma i datori di lavoro devono assicurarsi di fare scelte che funzionino bene per la loro forza lavoro, piuttosto che saltare su un carrozzone con un approccio universale.

Accanto al lavoro flessibile, c’è anche l’opportunità per le organizzazioni di promuovere attività che potrebbero incoraggiare le persone a mantenere una prospettiva e uno stile di vita equilibrati, comprese iniziative di alimentazione sana, corsi di ginnastica, club di libri/musica/cinema…

Anche dire che va bene staccare dal lavoro è importante. Nel 2020, coloro che hanno lavorato da casa a qualsiasi livello hanno lavorato più ore (32,3 in media a settimana – statistica UK) rispetto a quelli che non hanno mai lavorato da casa (27,7). Quindi la pandemia ha probabilmente esacerbato la nostra cultura del “sempre online”. Le risorse umane possono fare la loro parte rendendo esplicito che i tempi di inattività sono importanti e scoraggiando le comunicazioni fuori orario (emergenze a parte); alcune organizzazioni sono arrivate fino a vietare ai dipendenti di inviare e-mail al di fuori dell’orario di lavoro. La Francia ha stabilito un precedente per questo nel 2017.

3. Sii chiaro sul tuo scopo

Alcune aziende hanno uno scopo chiaro che è facilmente identificabile e compreso dalle persone che lavorano per loro. Questo non è, tuttavia, il caso in ogni azienda.

Comunicare chiaramente lo scopo e la visione dell’azienda ai dipendenti li aiuta a dare un senso a ciò che stanno facendo e a capire come il loro contributo personale si inserisca nel quadro più ampio. Ciò è particolarmente importante durante i periodi difficili, come gli ultimi 15 mesi, quando le persone hanno bisogno di una sorta di “punto di riferimento” che le aiuti a far fronte al cambiamento e all’ambiguità.

4. Sviluppa abilità e sicurezza

Fornire alle persone opportunità di apprendimento e crescita è una parte importante per aiutarle a sentirsi attrezzate per far fronte alla pressione.

I manager devono aiutare le persone nel loro team a costruire fiducia identificando le esigenze di formazione individuali e aiutando le persone a migliorare le proprie capacità attraverso un supporto e uno sviluppo adeguati. Questo non significa inviare le persone a costosi corsi di formazione: coaching, mentoring ed affiancamento sono tutti modi efficaci per aiutare le persone a sviluppare le proprie competenze e contribuire a creare un senso di comunità e responsabilità condivisa.

5. Mantieni le comunicazioni bidirezionali

Le persone affrontano la pressione in modi diversi e non è sempre ovvio per i manager comprendere chi nella loro squadra potrebbe essere in difficoltà. La creazione di una cultura di frequenti check-in informali, sostenuta da revisioni delle prestazioni più regolari e strutturate, può aiutare i manager a rilevare i membri del team che sono sotto stress e non se la cavano bene. Mettere da parte del tempo per parlare con le persone e dare loro la possibilità di esprimere le proprie preoccupazioni e spiegare correttamente cosa sta succedendo può fare un’enorme differenza.

Le risorse umane devono investire tempo per comprendere le pressioni che devono affrontare i loro dipendenti e non presumere che tutti abbiano affrontato nello stesso modo questo periodo di pandemia. In questo modo avranno un punto di partenza per sviluppare strategie per aiutare i dipendenti e creare un ambiente di lavoro più sano e una forza lavoro più resiliente, impegnata e, in definitiva, più produttiva. La chiave è imparare quale tipo di iniziative funziona meglio nella tua azienda e rispondere in modo flessibile a seconda della situazione.

Iscriviti alla newsletter