5 segni di un dipendente che ha perso entusiasmo

Siamo onesti: tutti noi abbiamo giorni in cui non siamo esattamente in grado di dare il 110%. Che sia perché stiamo lottando per completare un progetto, abbiamo una vacanza rilassante in arrivo o perché è un venerdì pomeriggio e i nostri occhi sono saldamente fissati al fine settimana a venire.
Un certo grado di disimpegno dei dipendenti è normale. Ma sembra che stia diventando sempre più un problema.

Ora, in questa fase, è importante fare una distinzione tra dipendente non impegnato e disimpegnato, poiché hanno caratteristiche diverse.

Un dipendente non impegnato è principalmente lì per i soldi: vede il proprio lavoro come un mezzo per guadagnare un reddito, niente di più. Anche se spesso sono perfettamente capaci e felici di fare il lavoro che è loro assegnato, generalmente è il massimo a cui arriveranno.

D’altra parte, un dipendente disimpegnato potrebbe essere stato motivato ad andare un po’ oltre il proprio dovere in passato, ma ha perso la spinta. Ora sta semplicemente andando avanti o è diventato apatico nei confronti del proprio ruolo e degli obiettivi aziendali.

A differenza di un dipendente non impegnato, spesso ha il potenziale per andare lontano, ma la scintilla più importante si è spenta e richiede di riaccendersi. Quindi, quali sono i segni di un dipendente disimpegnato e cosa si può fare per riportarlo al meglio?

1. Manca di iniziativa personale

Uno dei segni più visibili di un dipendente disimpegnato è la mancanza di iniziativa personale. I manager possono notare che il loro dipendente un tempo entusiasta ora sta facendo il minimo indispensabile, o solo ciò che gli chiedono esplicitamente. Potrebbero anche aver smesso di suggerire nuove idee o segnalare quando ha tempo a disposizione. Il rischio è che ben presto inizi a guardarsi attorno alla ricerca di nuove opportunità.

Naturalmente, tutti attraversano periodi in cui desiderano forse prendersela un po’ più “facile” di quanto farebbero normalmente. Ma se la mentalità del “venerdì pomeriggio” sta diventando più evidente, potrebbe esserci qualcosa in più che sta influenzando negativamente l’unità dei tuoi dipendenti.

Cosa fare

Se un dipendente sembra aver perso l’entusiasmo per il lavoro, un primo passo utile è guardare i dati nel sistema delle risorse umane. Questo potrebbe, ad esempio, indicare se un determinato cambiamento di manager, personale o processo ha coinciso con il calo dell’impegno.

Se non c’è nulla di ovvio nei dati, incoraggia il manager del dipendente a sedersi con lui (di persona o da remoto) per un incontro faccia a faccia. È un’opportunità per il manager di rivisitare le aspettative e scoprire se qualcosa sta disturbando il dipendente, all’interno o all’esterno del lavoro. Parlare semplicemente di cosa potrebbe intralciare, o di come ottenere il massimo dal proprio ruolo, può aiutare a riaccendere quell’entusiasmo vitale.

2. Non sta più andando oltre

Potrebbe essere il caso che il tuo dipendente disimpegnato una volta fosse un vero giocatore di squadra, felice di aiutare i suoi colleghi senza esitazione ed entusiasta di nuove responsabilità e sfide. Tuttavia, se ora fanno solo “il loro ruolo” e non si propongono più per nuovi progetti o responsabilità, questo è un classico segnale di disimpegno che merita di essere esaminato.

Cosa fare

Se i dipendenti sembrano non essere più disposti a fare il possibile, potrebbe valere la pena vedere se la cultura della tua azienda li sta abbattendo. Ad esempio, potrebbe essere la mancanza di riconoscimento a portare al disimpegno?

Anche se si dispone di un processo formale per il riconoscimento del personale, è facile per i manager di linea troppo stressati dimenticare di concedere credito dove è dovuto. Dire grazie per i risultati, non importa quanto piccoli, è un modo brillante per i manager di dimostrare quanto i dipendenti significhino per l’azienda. È essenziale che i team delle risorse umane garantiscano che il riconoscimento del personale sia la norma, non l’eccezione.

3. Si stanno prendendo delle ferie non pianificate o sono raramente disponibili

L’aumento dell’assenteismo è un altro segno evidente di un dipendente disimpegnato. Tuttavia, se i dipendenti lavorano in remoto e i manager notano che un membro del loro team manca alle riunioni, è raramente online con le piattaforme di comunicazione prescelte o non risponde ai messaggi, allora ci sono buone probabilità che stiano assistendo all’assenteismo digitale.

Cosa fare

Se ci sono prove aneddotiche o dati sull’assenza che suggeriscono che hai un problema, è importante affrontarlo in anticipo.

Per fare ciò, dovresti sollevare le tue preoccupazioni con il dipendente sulla quantità di assenze non pianificate che ha preso. Tuttavia, è fondamentale ascoltare ciò che hanno da dire in quanto potrebbe esserci un problema di fondo che li sta colpendo; che si tratti di un problema di salute fisica o mentale o di qualcos’altro nella loro vita personale.

Una volta che il dipendente ha un quadro più completo di ciò che potrebbe causare il suo assenteismo, sarai in grado di prendere una decisione informata su come puoi aiutare ad affrontarlo. Che si tratti di incoraggiare i tuoi manager ad avere una conversazione aperta e onesta con il dipendente sul proprio ruolo e le aspettative lavorative, per valutare se la tua organizzazione può offrire di più in termini di supporto per il benessere in caso di necessità.

4. Si stanno isolando dalla loro squadra o dai colleghi

Molti di noi hanno dovuto abituarsi a lavorare da remoto o a non vedere i nostri colleghi quotidianamente. Tuttavia, se i dipendenti che una volta erano loquaci e socializzavano (sia online che di persona) diventano improvvisamente introversi o notevolmente meno coinvolti con il resto della loro squadra, c’è la possibilità che si siano disimpegnati.

Cosa fare

Chiedere semplicemente perché un determinato dipendente si sta allontanando dai propri colleghi può essere un argomento difficile da discutere. Dopotutto, dobbiamo rispettare il fatto che alcune persone vogliano semplicemente fare un passo indietro rispetto alla loro vita lavorativa.

Tuttavia, se è stata sollevata una preoccupazione su un individuo specifico, è davvero importante che le risorse umane prendano l’iniziativa nell’incontro con loro. Un dipendente che si ritira dal proprio ruolo e dal proprio team potrebbe indicare un problema di fondo significativo, come il bullismo, di cui potrebbe non sentirsi a proprio agio nel discutere con il proprio superiore.

Da una prospettiva più ampia, ottenere feedback regolari dai dipendenti sulla cultura della tua azienda è un must. In questo modo puoi ottenere un’immagine più fedele di come è lavorare nella tua azienda e se ci sono aspetti negativi nella cultura della tua azienda (come cattive pratiche di lavoro, gestione o soddisfazione sul lavoro) che potrebbero indurre i dipendenti a ritirarsi dai loro ruoli .

5. La qualità del loro lavoro è diminuita

Infine, un dipendente che si è disimpegnato potrebbe aver offerto un lavoro di qualità costantemente elevata in passato, ma quello standard è scivolato. Forse hanno iniziato a perdere scadenze o obiettivi chiave e stanno commettendo troppi errori.

Cosa fare

Le risorse umane dovrebbero incoraggiare i team leader a tenere regolari incontri e riunioni di revisione delle prestazioni più formali con il proprio personale. Questi offrono opportunità ideali per i manager per chiedere ai dipendenti disimpegnati di essere onesti su ciò che potrebbe influire sul loro lavoro e su cosa li aiuterebbe a tornare in carreggiata.

In questo modo, manager e team leader possono non solo sviluppare un piano insieme per affrontare la causa principale, ma anche stabilire obiettivi realizzabili che forniscano qualcosa di tangibile, realistico e motivante per il quale il dipendente deve lavorare.

Iscriviti alla newsletter