10 passi verso la felicità in azienda

Alza lo sguardo un attimo dalla tua scrivania e cerca di comprendere l’atmosfera attorno a te: i dipendenti sono felici e sorridenti? Pur impegnati nel loro lavoro trovano il tempo per scambiare due chiacchere e scherzare con i colleghi? O l’atmosfera al contrario è cupa e tesa, ognuno con lo sguardo basso ad evitare il contatto con gli altri?

Potrai pensare che la felicità sia una questione personale, e naturalmente ci sono un’infinità di ragioni non connesse con il lavoro per essere più o meno felici, ma prestare attenzione al livello di benessere al lavoro può portare frutti inattesi. Il nostro livello di felicità condiziona il modo in cui reagiamo, rispondiamo e ci relazioniamo con le sfide che si presentano. Un pizzico di leggerezza ed umorismo possono aiutare ad abbattere barriere, rendere più semplice affrontare conversazioni complesse ed alleggerire l’apprendimento. Banalmente, un ambiente di lavoro più gioioso è un ambiente di lavoro più piacevole e produttivo.

Non sto suggerendo a manager ed HR di trasformarsi in pagliacci e buffoni di corte: forzare il divertimento può essere rischioso, semplicemente perché non tutti condividiamo lo stesso concetto di divertimento; organizzare team building troppo spinti su questo aspetto può annoiare ed irritare alcuni collaboratori.

Tuttavia, ci sono alcuni piccoli cambiamenti di comportamento che il management può prendere in considerazione e che avranno un impatto significativo su come le persone si sentano al lavoro e, di conseguenza, sulle loro performance.

Ne abbiamo scelti 10:

1- Accendi prima le persone, poi i PC

Saresti sorpreso di scoprire quanti manager entrino in ufficio a testa bassa e corrano diretti alla loro scrivania, senza scambiare una parola con nessuno. Evita questo errore: assicurati di dedicare ogni mattina un piccolo sorriso a tutti.

2- Focalizzati su piccoli obbiettivi quotidiani

Capita che le persone si sentano sovraccariche per tutti i risultati che gli viene richiesto di raggiungere. Scomponi i macro obbiettivi in piccoli traguardi quotidiani, così che ognuno possa vedere come sta progredendo verso il risultato finale.

3- Collabora

Assicurati che ogni collaboratore possa avere voce ed opportunità per essere coinvolto. I legami sociali sono un aspetto fondamentale del benessere aziendale: le persone attribuiscono grande valore all’opportunità di lavorare a contatto con altri, apprendere e migliorarsi grazie al lavoro in team.

4- Sottolinea anche ciò che è giusto

Cerca di spostare la mentalità del team da focalizzarsi su ciò che non funziona a ciò che invece sta funzionando e come si possa migliorarsi ancora. Le persone sono solitamente più felici e produttive quando possono lavorare sui loro punti di forza.

5- Congratulati

A volte basta un piccolo gesto per far ritrovare la giusta spinta a qualcuno: una mail di ringraziamento, una chiamata per congratularsi di un lavoro ben fatto, un pranzo offerto…

6- Feedback settimanali

Non aspettare i colloqui di valutazione annuali per dire alle persone come stanno andando le cose. Un riscontro settimanale, anche in forma di gioco (il miglior addetto al customer service, il venditore più produttivo…) può bastare per dare alle persone il giusto riconoscimento.

7- Ambiente di lavoro

Il luogo in cui ci troviamo ha un impatto importante sul nostro sentire: essere relegati in un angolo dell’ufficio buio e polveroso, avere poco spazio a propria disposizione, può essere sufficiente per rattristare e demotivare una persona. Cerca di individuare quei piccoli accorgimenti che, senza stravolgimenti e spese eccessive, possono fare la differenza.

8- Conosci tutti

Cerca di conoscere i tuoi collaboratori anche a livello personale. Che cosa li interessa? Come si sentono in merito al loro lavoro? Cosa li appassiona di più e quali mansioni invece non apprezzano? Le persone hanno bisogno di percepire che  il management si interessa a loro.

9- Semplifica

Quali strategie immediate puoi mettere in pratica per far sì che le persone vivano più serenamente? Vi sono strumenti che necessitano di essere aggiustati o sistemati? O processi eccessivamente complessi che sarebbe tempo di semplificare? Spesso è la piccola frustrazione quotidiana che non consente di lavorare al meglio.

10- Sviluppa una cultura di crescita

Le persone che tendono ad un approccio mentale rigido pensano di essere nate con un determinato livello di intelligenza ed abilità immodificabile. Al contrario, chi ha una mentalità improntata alla crescita pensa di potersi migliorare su ogni aspetto del proprio lavoro e che la competenza arrivi dalla pratica. Crea un ambiente che contribuisca ad accrescere la stima di ciascuno e mostra che crescere ed apprendere cose nuove è sempre possibile.

Man mano che metti in pratica queste iniziative, inizierai a vederne i risultati. Tieni traccia di tutti i miglioramenti e degli aspetti invece su cui c’è ancora da lavorare anche per analizzare questi aspetti durante i colloqui di valutazione delle Performance. Difficile archiviare tutte le informazioni in modo corretto e senza errori o dimenticanze? Noi possiamo aiutarti! Scopri come…

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Richiedi una demo

Senza alcun impegno, inviaci i tuoi riferimenti attraverso il seguente form e ti contatteremo

I dati personali forniti non saranno comunicati ad altre aziende o utilizzati per scopi non autorizzati. Per maggiori informazioni, si prega di leggere la nostra Policy della Privacy.

Iscriviti!

Sottoscrivi la nostra Newsletter per ricevere altri articoli come questo.