Risorse umane e Blue Monday, come sconfiggere il giorno più deprimente dell’anno?
Sebbene radicata nella cultura popolare, la teoria del “Blue Monday”, secondo cui il terzo lunedì di gennaio è percepito come il più deprimente, è in realtà il risultato di una trovata di marketing di grande successo.
Tuttavia, anche se il Blue Monday non è una vera e propria “cosa”, è normale che le aziende notino un calo del morale della forza lavoro all’inizio dell’anno.
I team delle risorse umane possono implementare diverse attività per scacciare la tristezza del nuovo anno; inclusa la pianificazione di incontri in presenza, l’incoraggiamento alla pianificazione delle ferie annuali, la discussione sulla salute mentale e la promozione della positività.

Andiamo ad approfondire…

Il nuovo anno. Altri 12 mesi di nuove avventure, nuove possibilità e un sacco di quelle classiche vibrazioni del “nuovo anno, nuovo me”. Ma ammettiamolo, invece di un brillante faro di speranza, gennaio tende ad avere una brutta reputazione come il periodo più cupo del calendario.
La combinazione di clima freddo, giornate buie, tristezza post-festiva spesso fanno di gennaio un mese che le persone preferirebbero evitare. Il mese è noto anche per essere quello in cui si verifica il “Blue Monday”, un periodo in cui praticamente tutti si sentono particolarmente infelici.

Tuttavia, non tutto è come sembra…

Il culto del Blue Monday

Non c’è dubbio che tutti possiamo sentirci un po’ scoraggiati e avere difficoltà a sentirci positivi all’inizio di un nuovo anno. Ma l’idea di un giorno specifico in cui tutti sono particolarmente scoraggiati semplicemente non esiste! In effetti, si potrebbe sostenere che sia forse una delle acrobazie di marketing di maggior successo di sempre.

L’origine del temuto “Blue Monday” è un comunicato stampa di Sky Travel del 2005 che utilizzava un’equazione per calcolare il giorno più deprimente dell’anno. Sebbene tutto sembrasse incredibilmente plausibile e avesse chiaramente guadagnato un’enorme quantità di attenzione da parte del pubblico, la scienza dietro era praticamente inesistente.

L’autore originale di questo concetto e di questa equazione è Cliff Arnall, che all’epoca era docente all’Università di Cardiff. Tuttavia, un giornalista del Guardian ha scoperto in seguito che il comunicato stampa era stato scritto in anticipo da un’agenzia di pubbliche relazioni.

Arnall ha semplicemente creato l’equazione della “pseudoscienza” per ispirare le persone a prendere decisioni di vita più audaci, piuttosto che evidenziare una data particolarmente infelice. Ora sta contribuendo attivamente a sfatare l’errore del Blue Monday!

Quindi ecco qua: il Blue Monday non esiste. Ma la storia non dovrebbe finire qui…

IL BLUE MONDAY POTREBBE NON ESISTERE, MA LE RISORSE UMANE NON DEVONO IGNORARLO

Solo perché il Blue Monday è un prodotto del marketing piuttosto che della scienza in buona fede, non significa che le persone non trovino difficile il primo mese dell’anno.

È comune notare un calo del morale della forza lavoro all’inizio dell’anno, e quest’anno probabilmente non sarà diverso. La continua crisi del costo della vita, o anche solo il fatto che siamo in pieno inverno possono contribuire a rendere i dipendenti più suscettibili al burnout, allo stress e allo scarso benessere mentale.

Risorse Umane e Blue Monday

Quindi, con il benessere e la produttività dei dipendenti potenzialmente in gioco, cosa possono fare le risorse umane per aiutare i propri dipendenti in questo momento difficile? Ecco come sconfiggere la piaga del Blue Monday…

– PROMUOVERE INCONTRI CON I COLLEGHI

Incoraggia i tuoi dipendenti a riservare un po’ di tempo per incontrarsi su questioni non legate al lavoro. Ciò contribuirà a sollevare il morale e darà al personale che lavora da casa alcuni degli aspetti sociali del lavoro che potrebbero mancare.

Inoltre, le conversazioni informali non devono essere limitate solo al proprio team. Gli incontri di persona o virtuali tra i dipartimenti possono aiutare a rafforzare le relazioni sul posto di lavoro, soprattutto se un gran numero di dipendenti lavora in remoto o fuori sede.

– INCORAGGIARE LA PIANIFICAZIONE DELLE VACANZE

Assicurarsi che il tuo sistema HR sia aggiornato con gli ultimi diritti alle ferie – e informarne il personale – è un approccio utile per sconfiggere la depressione del nuovo anno e dà al tuo personale qualcosa da aspettarsi. La possibilità di prendersi una pausa dal lavoro per ricaricarsi, anche se si tratta solo di un “staycation”, potrebbe essere proprio ciò di cui alcuni membri del personale hanno bisogno.

– POSITIVITA’ A TUTTO TONDO

I manager dovrebbero fornire feedback positivi, quando opportuno, durante tutto l’anno; ma l’inizio dell’anno è un momento in cui il feedback positivo è particolarmente vantaggioso.

Garantire che il personale si senta valorizzato e apprezzato può cambiare completamente l’atteggiamento nei confronti del proprio lavoro. Quindi, incoraggia i leader e i manager della tua organizzazione a essere ancora più positivi durante questo periodo.

Riconoscere come i ruoli dei dipendenti contribuiscono al quadro più ampio dell’organizzazione è un altro modo semplice ma efficace per coinvolgere le persone, facendole sentire importanti e non solo un altro “ingranaggio della macchina”.

– AVERE UN DIALOGO APERTO SULLA SALUTE MENTALE

Sentirsi un po’ giù è normale, soprattutto in un momento in cui tutti riceviamo notizie negative. La salute mentale è giustamente diventata una priorità per molte aziende ed è importante che questa consapevolezza continui anche nel corso dell’anno.

Prendi la discussione sul Blue Monday come un’opportunità per parlare di salute mentale con il personale. È anche un buon momento per riconsiderare le strategie aziendali nei confronti delle questioni sanitarie. Potrebbe trattarsi di qualsiasi cosa: dalla raccolta di risorse e informazioni a cui puoi indirizzare i dipendenti nel tuo portale delle risorse umane, all’integrazione della consapevolezza della salute mentale nella formazione manageriale.

Naturalmente, queste cose richiedono tempo e non saranno risolte in un solo giorno. Ma il Blue Monday può fungere da promemoria per mantenere la salute mentale una priorità.

– ESSERE PROATTIVI NEL COMBATTERE I DISTURBI STAGIONALI DELL’UMORE

Per alcuni dipendenti, il Blue Monday potrebbe essere indice di un problema più serio. Naturalmente, non è possibile allungare le ore diurne a gennaio, ma è possibile avviare piccoli cambiamenti che potrebbero fare una grande differenza nel supportare i dipendenti durante l’inverno.

Consentire modalità di lavoro più flessibili, come un orario di inizio posticipato o incoraggiare il tempo libero durante questo periodo, può contribuire notevolmente a migliorare il benessere dei dipendenti per coloro che sono particolarmente colpiti dai mesi invernali.

Risorse Umane e Blue Monday: lo sappiamo che ad inizio anno avete molto a cui pensare, ma il benessere dei dipendenti non va mai trascurato!