La sfida per il talento: perché far crescere quelli interni all’azienda potrebbe essere la soluzione

Poiché i datori di lavoro iniziano a riprogrammare le loro prospettive di business dopo il lockdown, molte organizzazioni stanno ricominciando ad assumere. Ma invece di spendere tempo e risorse in assunzioni esterne, identificare e far crescere i talenti già presenti in azienda potrebbe essere la soluzione.

Ecco quattro motivi per cui è ora che i responsabili delle risorse umane abbraccino il concetto di recruiting interno.

Risultati più rapidi e ROI migliore

Man mano che il mercato dei talenti diventerà più agguerrito, il processo di recruiting richiederà più tempo e sarà più costoso. E, anche una volta avvenuta l’assunzione, un processo di onboarding inefficiente può scoraggiare i candidati di successo.

Il processo di reclutamento interno è più efficace in termini di costi e tempi. Nessun passaggio attraverso agenzie di reclutamento esterne, nessun vaglio tra centinaia di CV e molto meno tempo speso a condurre lunghi colloqui cercando di conoscere il candidato. Invece, risorse umane e manager possono promuovere posti vacanti alla loro forza lavoro, parlando direttamente con i dipendenti, inviando un’e-mail o pubblicando un annuncio sul portale delle risorse umane online.

E poiché conoscono già l’azienda, la sua cultura e le sue persone, le reclute interne hanno maggiori probabilità di partire con il piede giusto e di ambientarsi nel nuovo ruolo più rapidamente di un’assunzione esterna.

Aumenta il coinvolgimento e le prestazioni dei dipendenti

Per mantenere i dipendenti coinvolti e produttivi, le aziende devono creare un ambiente in cui il personale si senta apprezzato ed incoraggiato.

I dipendenti si sentirebbero più coinvolti e motivati ​​se vedessero possibilità di crescita nel loro attuale posto di lavoro. I candidati interni che sono stati respinti per opportunità di crescita in favore di una recluta esterna hanno maggiori probabilità di disimpegnarsi. Ma per gli stessi candidati respinti sarebbe più semplice accettare la delusione se vedessero un collega ottenere il ruolo al posto loro. Vedere i progressi di altre persone nella stessa organizzazione può essere motivante e stimolante.

Ove possibile, i responsabili delle risorse umane e delle assunzioni dovrebbero incoraggiare i dipendenti a candidarsi per posti vacanti e fornire un feedback appropriato se non vengono selezionati. Ciò aiuterà i dipendenti a concentrarsi su ciò che possono fare per fare la differenza per se stessi e per l’organizzazione. Un buon software per le risorse umane ti aiuterà ad avere una visione migliore delle competenze dei tuoi dipendenti e ti aiuterà a tenere il passo con le valutazioni delle prestazioni.

Sebbene non troverai sempre i candidati ideali internamente, i tuoi attuali dipendenti dovrebbero avere la possibilità di perseguire queste opportunità. Naturalmente, il reclutamento esterno ha ancora i suoi vantaggi, ma non considerare nemmeno i dipendenti esistenti a favore di candidati esterni è garantito che lavorerà contro di te.

Aumenta il tasso di fidelizzazione dei dipendenti

La “guerra per il talento” non riguarda solo l’acquisizione di nuovi dipendenti con le giuste competenze, ma anche il mantenimento di quelli che hai attualmente. Una ricerca di Linkedin ha mostrato che il 70% dei dipendenti è “in cerca di lavoro” e che il 33% dei dipendenti considera la crescita della carriera come la motivazione numero uno per esplorare opportunità di lavoro al di fuori della loro posizione attuale.

È quindi essenziale promuovere l’avanzamento di carriera e fornire opportunità ai dipendenti di crescere e migliorare le proprie conoscenze, abilità ed esperienze.

Aiuta a costruire il tuo brand aziendale

Se sei veramente concentrato sull’aiutare i dipendenti a crescere e svilupparsi con te, scoprirai che saranno felici di condividere le loro esperienze con gli altri, sia attraverso le pagine delle carriere sul tuo sito web o agendo come ambassador per la tua azienda.

Diffondere l’immagine della tua azienda in questo modo ti assicura di diventare più attraente come potenziale datore di lavoro, il che aiuterà la tua azienda ad attirare i migliori talenti esterni in futuro.

Esplorare il reclutamento interno nella tua organizzazione

Incoraggiare i dipendenti a candidarsi per posti vacanti richiede il coinvolgimento di diverse parti dell’organizzazione. Per decidere se assumere dall’interno o dall’esterno dell’azienda, ecco alcuni passaggi da considerare:

  • Incontra il team di gestione HR per esplorare i pro ed i contro delle tue attività di reclutamento esterno.
  • Raccogli statistiche chiave, come i costi storici di reclutamento, il tempo necessario per riempire i posti vacanti e i tassi di retention e la disponibilità di competenze chiave nel mercato esterno, per aiutare ad avere conversazioni informate.
  • Se vengono identificate lacune di competenze nella forza lavoro, considerare se investire in programmi di formazione o tutoraggio potrebbe funzionare come alternativa all’assunzione. Assicurati che i piani di carriera e successione siano aggiornati.
  • Se il tempo per individuare un neo assunto è un problema (ad esempio, quando si sostituiscono quelli che stanno crescendo in azienda), allora forse vale la pena collaborare con un’università locale per aiutarti a trovare i tuoi futuri collaboratori.

Ci saranno occasioni in cui assumere internamente non sarà la soluzione appropriata e dovrai rivolgerti altrove. Ma se stai cercando di ottenere un vantaggio nella guerra per il talento, allora è il momento di assicurarti di coltivare davvero le risorse che già sono in azienda.

Iscriviti alla newsletter